Ubiquiti Unifi UAP-Ac-Pro vs Zyxel NWA1123-Ac HD

Se il segnale WiFi del router non riesce a raggiungere ogni angolo della casa o dell'ufficio, utilizzare un punto di accesso wireless per estendere la copertura è la soluzione migliore, con Ubiquiti UniFi UAP-AC-PRO e Zyxel NWA1123-AC HD come due ottime opzioni sia per la casa che per le piccole o medie imprese. Ovviamente, i sistemi WiFi mesh possono essere considerati un'alternativa all'utilizzo di una configurazione router + access point, ma, mentre sono ottimi per le case e sono molto user-friendly, non si può negare che questi dispositivi abbiano meno funzionalità (il che li rende meno affidabili in un ambiente SMB) e alcuni hanno difficoltà a mantenere un throughput affidabile quando sono connessi tramite wireless, quindi molto probabilmente dovresti utilizzare la funzione di backhaul Ethernet, finendo sostanzialmente con un sistema di punti di accesso.

Ubiquiti UniFi UAP-AC-PRO è il punto di accesso wireless più vecchio e probabilmente il più popolare, il suo produttore è stato tra i primi a spingere un dispositivo di rete con funzionalità di tipo aziendale a un prezzo accessibile (colmando il divario tra il consumatore e l'impresa hardware), quindi non sorprende che Ubiquiti sia diventata l'azienda di riferimento per apparecchiature WiFi affidabili (il fondatore ha anche avuto un'ottima esperienza di marketing proveniente da Apple).

AGGIORNAMENTO 01/02/2019: Ho apportato alcune correzioni all'articolo (grazie a JMendez per aver segnalato le imprecisioni).

Ubiquiti UAP-AC-PRO
Amazon.com Controlla Offerta
Zyxel NWA1123-AC HD
Amazon.com Controlla Offerta

Ma la concorrenza non ha ignorato la crescente richiesta di access point a prezzi accessibili da parte delle PMI e ZyXel ha colto l'occasione per mostrare la sua serie di access point wireless, da cui ho scelto lo Zyxel NWA1123-AC HD che, pur essendo un dispositivo di rete di classe AC1600 ( l'UAP-AC-PRO è un AP di classe AC1750), può offrire una solida connessione wireless.
Detto questo, entrambi i punti di accesso wireless possono essere monitorati e configurati tramite un controller, entrambi hanno funzionalità avanzate adatte alle aziende e ogni dispositivo è dotato di una propria interpretazione proprietaria della tecnologia mesh (può funzionare in modo simile ai sistemi WiFi mesh ), quindi vediamo qual è il dispositivo migliore.

Nota: puoi anche controllare la recensione completa di Ubiquiti UniFi UAP-AC-PRO e la recensione completa di Zyxel NWA1123-AC HD .

Disegno
Il moderno punto di accesso wireless ha rinunciato alle sue antenne esterne e si concentra maggiormente sull'essere il più discreto possibile, integrandosi quindi facilmente con il resto della stanza (i tratti minimalisti sono ancora di tendenza). Sia Ubiquiti UniFi UAP-AC-PRO che Zyxel NWA1123-AC HD hanno scelto un look neutro e, poiché sono progettati per essere montati a soffitto, ciascuno di questi dispositivi assomiglia a una luce da incasso: UAP-AC-PRO è completamente rotondo e piatto, mentre l'NWA1123-AC HD ha optato per una forma esagonale con angoli arrotondati.

Ma c'è una differenza fondamentale tra i due punti di accesso che diventa evidente quando si prendono in mano entrambi i dispositivi: Ubiquiti ha realizzato l'UAP-AC-PRO completamente da una plastica dura, mentre Zyxel ha deciso di mantenere la superficie superiore in plastica e la parte inferiore del corpo da una lega di zinco. Ovviamente, questo rende l'NWA1123-AC HD molto più pesante dell'UniFi UAP-AC-PRO (pesa 1,65 libbre, quindi è più del doppio di Ubiquiti, con i suoi 0,77 libbre).

Un'altra differenza significativa sono le dimensioni, l'UAP-AC-PRO misura 7,74 x 7,74 x 1,38 pollici e l'ingombro dell'NWA1123-AC HD è 8,31 x 8,78 x 1,54 pollici, quindi Zyxel si inclina leggermente di più verso le PMI con la sua sensazione più industriale , mentre Ubiquiti è un po' più a misura di consumatore con la sua custodia piatta e leggera. Allo stesso tempo, entrambi i dispositivi sono anche coperti da una finitura bianca opaca ed entrambi hanno optato per un approccio a LED singolo: Ubiquiti lo fa brillare dal canale circolare dalla parte superiore del dispositivo e Zyxel ha deciso di optare per qualcosa di più modesto, quindi ha aggiunto il LED sotto il logo scolpito, interrompendo il canale circolare lucido dalla superficie superiore (il LED sull'Ubiquiti ha un aspetto migliore, però).

L'UAP-AC-PRO è pubblicizzato come resistente agli agenti atmosferici e per fare ciò, Ubiquiti ha sigillato l'intero dispositivo (per accedere all'area delle porte, è necessario rimuovere una grande copertura in silicone), ma, a differenza dell'Open Mesh A60 che aveva guarnizioni in silicone ovunque, non sono davvero convinto della robustezza di UAP-AC-PRO e sceglierei qualcosa di particolarmente dedicato per resistere alle condizioni esterne (qualcosa come il DrayTek VigorAP 920RP).

Quindi, poiché Ubiquiti non ha lasciato ritagli sul suo UAP-AC-PRO, il dispositivo è soggetto a surriscaldamento e, mentre l'ho testato, si è surriscaldato sul lato inferiore, vicino all'etichetta. Zyxel NWA1123-AC HD non è pubblicizzato come adatto per l'installazione all'esterno e, analogamente all'UAP-AC-PRO, è privo di fori di ventilazione che avrebbero suggerito una corretta gestione del calore (a differenza del TP-Link EAP245, che è molto spesso , ma è uno di quei rari AP con aperture di ventilazione). Ma, nonostante ciò, l'NWA1123-AC HD si è scaldato a malapena anche sotto stress e per farlo, Zyxel ha sfruttato la lega di zinco che si è rivelata fantastica per dissipare il calore da questo tipo di dispositivi.

Un elemento comune tra i due punti di accesso è la mancanza di piedini in silicone sul fondo del case, quindi nessuno dei due è adatto per essere tenuto su una superficie piana (dopo aver collegato i cavi Ethernet, gli AP possono scivolare facilmente dal tavolo) e il montaggio a soffitto/parete è praticamente l'opzione più adatta (come previsto, i produttori offrono il kit di montaggio all'interno della confezione).
Come dicevo prima, entrambi gli access point sono dotati di un unico indicatore LED che mostra lo stato del dispositivo e della connessione. Ubiquiti UAP-AC-PRO lo ha posizionato in modo tale da riuscire a creare un anello di luce: il LED sarà blu fisso quando l'AP funziona correttamente e, se lampeggerà velocemente di blu, allora il dispositivo sta aggiornando il firmware; un LED bianco fisso indica che l'AP non è ancora configurato, mentre un LED blu fisso con lampeggi occasionali indica che l'UAP-AC-PRO è in uno stato isolato.

La spia LED sullo Zyxel NWA1123-AC HD sarà verde fissa quando il dispositivo funziona correttamente e rossa fissa significa che il punto di accesso ha riscontrato un errore; il LED si alternerà tra rosso e verde durante la configurazione dell'AP e diventerà verde fisso al termine del processo di configurazione. Zyxels LED è leggermente più intuitivo del LED dell'Ubiquiti UAP-AC-PRO, ma resta il fatto che l'utente non capirà davvero cosa significano i colori se non consulta costantemente il manuale.

Nella parte inferiore dell'Ubiquiti UAP-AC-PRO, sotto la cover in silicone, si trova l'area delle porte: da destra, c'è una porta Gigabit Ethernet principale che può essere utilizzata per la connessione a uno switch/iniettore PoE (supporta PoE+ 802.3 at), una porta USB 2.0 che può essere utilizzata solo per connettere l'access point a un sistema PA e accanto ad essa, c'è un piccolo pulsante Reset e una porta Gigabit Ethernet secondaria (per connettersi ad altri UAP o a client cablati). Zyxel ha deciso di posizionare le sue porte su una porzione tagliata dal lato inferiore del case: da sinistra, c'è una porta Console seriale a 4 pin e una vite di messa a terra dedicata; accanto c'è una porta Gigabit Ethernet LAN1 (per collegare ulteriori client cablati), una porta Gigabit Uplink/PoE Ethernet (supporta gli standard PoE 802.3at/af utili per alimentare il tuo dispositivo senza fare affidamento su un cavo di alimentazione), un piccolo Reset pulsante, uno slot di sicurezza Kensington e una porta di alimentazione a 12 V CC (se non si dispone di uno switch PoE o di un adattatore PoE).

Verdetto: entrambi i dispositivi sono progettati utilizzando un approccio minimalista, quindi non attireranno molta attenzione quando montati a soffitto ed entrambi i punti di accesso offrono il numero necessario di porte Ethernet, ma Ubiquiti UAP-AC-PRO vince chiaramente dal punto di vista estetico soprattutto a causa della luce circolare a LED. Allo stesso tempo, nonostante sia più grande, lo Zyxel NWA1123-AC HD sembra più robusto, è molto migliore nella gestione del calore e offre due modi per collegare il tuo dispositivo (tramite PoE o cavo di alimentazione), quindi vince questo il giro.

SCOPRI ANCHE: TP-LINK EAP245 vs UBIQUITI UNIFI UAP-AC-PRO

Hardware
In termini di hardware interno, Zyxel ha deciso di dotare l'NWA1123-AC HD di un chip Broadcom BCM4752B0KRFBG (900 MHz), 256 MB di RAM (da Winbond), 256 MB di memoria flash (da Macronix) e uno switch controller Realtek RTL8363NB. Inoltre, l'access point utilizza il chip wireless Broadcom BCM47452 22 802.11b/g/n insieme a un SoC BCM43525KMLG per le bande radio wireless.
L'Ubiquiti UAP-AC-PRO è costruito sulla piattaforma Qualcomm, quindi è dotato di un chip Atheros QCA9563 (750 MHz), 128 MB di RAM, 16 MB di memoria flash e uno switch controller Qualcomm Atheros AR8337. Inoltre, l'access point wireless sfrutta il Qualcomm Atheros QCA9880 per la radio a 5 GHz e il Qualcomm Atheros QCA9563 per la banda radio a 2,4 GHz.

Zyxel NWA1123-AC HD offre una velocità di trasferimento dati teorica massima di 1.300 Mbps sulla banda radio a 5 GHz, mentre sulla radio a 2,4 GHz la velocità di trasferimento dati teorica massima è di 300 Mbps, il che significa che il dispositivo è un punto di accesso di classe AC1600 . Ubiquiti UAP-AC-PRO è un access point di classe AC1750, il che significa che sulla radio a 2,4 GHz, la velocità di trasferimento dati teorica massima è di 450 Mbps, mentre la velocità di trasferimento dati teorica massima sulla banda a 5 GHz è di 1.300 Mbps.
Verdetto: dopo aver testato entrambi i dispositivi, è diventato chiaro che il vantaggio della banda a 2,4 GHz dell'UAP-AC-PRO fa una piccola differenza, ma la migliore RAM e la maggiore quantità di memoria flash sullo Zyxel NWA1123-AC HD potrebbero avere un peso maggiore impatto, quindi Zyxel vince anche questo round.

SCOPRI ANCHE: UBIQUITI UNIFI UAP-AC-PRO vs OPEN MESH A60

Caratteristiche e prestazioni
L'access point wireless è stato, per molto tempo, l'opzione preferita per coprire quei punti difficili della tua casa con il WiFi e intende rimanere tale poiché ha adottato alcune delle funzionalità che sono molto popolari con il sistema WiFi mesh proprio ora (sebbene Open Mesh abbia implementato questa tecnologia prima dell'emergere di artisti del calibro di Eero first gen o Google WiFi). Quindi, Ubiquiti UniFi UAP-AC-PRO ha incluso Wireless Uplink nel suo pacchetto di funzionalità e non lo chiama mesh perché è proprietario (non funzionerà al di fuori dell'ambiente UniFi) e Zyxel NWA1123-AC HD ha aggiunto timidamente la propria variante di questa tecnologia e l'ha chiamata AP Smart Mesh.

Entrambe queste funzionalità seguono la stessa premessa e cercano di ottenere la stessa cosa più o meno allo stesso modo, ma come detto prima, sono limitate a funzionare solo con dispositivi dello stesso produttore (o anche serie). Quindi, puoi aspettarti che, utilizzando più access point UniFi o Zyxel, la rete mesh (sì, la chiamerò così) analizzi tutti i nodi collegati e, a seconda della potenza del segnale, del numero di dispositivi collegati, delle interferenze (e così via), crea percorsi ottimizzati per i dati. Inoltre, la rete mesh rileverà anche qualsiasi nodo aggiunto e lo adotterà immediatamente e lo utilizzerà per creare nuovi percorsi per i dati; nel caso in cui un nodo vada offline, la rete trova automaticamente il punto di accesso più conveniente nelle vicinanze e lo utilizza per portare i dati a destinazione (assicurando così che l'utente non subisca tempi di inattività).

Oltre alla tecnologia mesh proprietaria, entrambi gli access point hanno implementato anche una qualche forma di Fast Roaming e, nel caso dello Zyxel NWA1123-AC HD, utilizza il roaming assistito 802.11k/v, mentre Ubiquiti ha deciso semplicemente di prendere ispirazione dal Fast Roaming BSS Transition (802.11r) e creare la propria variante che funzionerà bene con i client meno recenti. Poiché si tratta del dispositivo più recente, non sorprende che l'NWA1123-AC HD abbia aggiunto alcune funzionalità più recenti, come MU-MIMO che ha il ruolo di garantire che più client possano essere serviti contemporaneamente invece di farli competere per la larghezza di banda, ma, sfortunatamente, questa tecnologia non è molto diffusa e l'utente normale potrebbe non essere davvero in grado di utilizzarla nella sua forma completa.

Per testare le prestazioni wireless dei due punti di accesso, ho utilizzato un laptop come server e un computer desktop dotato di un adattatore WiFi ASUS PCE-AC88 come client. I dispositivi sono stati testati all'interno in vari punti all'interno della casa dal server al client e viceversa. Quindi, utilizzando l'Ubiquiti UAP-AC-PRO , connesso alla rete 5GHz e dal client al server, sono riuscito a misurare una media di 440 Mbps a non più di 5 piedi dall'AP, mentre, a 30 piedi, il la velocità è scesa a 302 Mbps. Dal server al client, ho misurato una media di 258 Mbps a circa 5 piedi, mentre a 30 piedi ho misurato circa 170 Mbps. Lo Zyxel NWA1123-AC HD aveva prestazioni leggermente migliori e, dal client al server, a 5 piedi, ho misurato una media di 489 Mbps, mentre a 9 metri la velocità è scesa a 303 Mbps. Dal server al client, ho misurato una media di 266 Mbps a 5 piedi e una media di 190 Mbps a 30 piedi.

Nella fase successiva, ho deciso di passare alla rete a 2,4 GHz e Ubiquiti ha fatto un ottimo lavoro: dal client al server, sono stato in grado di misurare una media di 107 Mbps a 5 piedi (ma ho misurato 148 a 15 piedi) , mentre a 30 piedi, la velocità è tornata a 106 Mbps. Dal server al client, a 5 piedi, ho misurato 101 Mbps (di nuovo, a 15 piedi, ho visto un throughput migliore a 108 Mbps) e a 30 piedi, ho misurato circa 90,5 Mbps. Nel caso di Zyxel NWA1123-AC HD, dal client al server, ho misurato una media di 120 Mbps (a 15 piedi, è rimasta costante a 119 Mbps) e, a 9 metri, ho visto 90,5 Mbps. Dal server al client, a 5 piedi, ho misurato circa 103 Mbps e a 9 metri la velocità è scesa a 91,4 Mbps.

Verdetto: nel complesso, le prestazioni wireless di entrambi i punti di accesso sono state molto simili, con Ubiquiti che occasionalmente ha superato Zyxel sulla rete a 2,4 GHz, ma Zyxel ha mantenuto un livello leggermente migliore su tutta la rete a 5 GHz. Inoltre, lo Zyxel NWA1123-AC HD è dotato di tecnologie più recenti, quindi vince questo round, ma non di molto.

SCOPRI ANCHE: I MIGLIORI PUNTI DI ACCESSO WIRELESS

Installazione e software
Sebbene meno difficili e più intuitivi degli access point aziendali, Ubiquiti UniFi UAP-AC-PRO e Zyxel NWA1123-AC HD si concentrano maggiormente sull'offerta di un'opzione centralizzata alle aziende per monitorare e configurare facilmente più access point e gateway (il processo di adozione in il responsabile del trattamento richiede un minimo di know-how tecnico). Tuttavia, sia Zyxel che Ubiquiti hanno una modalità standalone per i loro AP wireless che è utile se la usi in un ambiente domestico e non ti interessa usare un controller.

Pagine: 1 2

Ir arriba