Tena AC18 Wireless-AC1900 Dual Band Gigabit Router Review

Il Tenda AC18 AC1900 è uno degli ultimi router wireless rilasciati dal produttore taiwanese ed è il secondo router AC1900 fornito da Tenda. Il primo tentativo è stato con il Tenda AC15, un dispositivo modesto (entry-level dal punto di vista delle prestazioni) che aveva un prezzo sorprendentemente basso ed era specificamente rivolto a persone che non volevano spendere soldi per router costosi, ma volevo comunque testare alcune delle più recenti tecnologie di rete.

Tenda AC18 AC1900
Amazon.com Controlla Offerta
GearBest.com Controlla Offerta
Amazon.co.uk Controlla Offerta

Il Tenda AC18 è sicuramente un miglioramento rispetto all'AC15 (miglior chipset, più RAM e memoria flash, una porta Ethernet LAN in più e supporto VPN), ma è stato sorprendente vedere che Tenda non ha deciso di puntare a velocità massime teoriche migliori (come AC2600 o AC3200). Sebbene sia stato chiaramente fatto per mantenere i costi inferiori, non è necessariamente una cosa negativa perché il solito utente domestico potrebbe persino pensare all'AC1900 come eccessivo. Nel frattempo, anche i router più popolari sono diventati più convenienti e l'AC18 deve fare molto di più che avere un prezzo basso per diventare rilevante nel mercato competitivo delle reti. Quindi, vediamo quali sono i punti di forza e di debolezza del Tenda AC18 e come si comporta.

Disegno
Devo ammettere che non ero davvero un fan del design del Tenda AC15 e non mi piaceva profondamente il motivo a bolle che rendeva decisamente unico il dispositivo, ma uccideva anche qualsiasi valore estetico che avrebbe potuto avere altrimenti. Sembra che anche Tenda abbia convenuto che si trattava di un design poco ispirato e il nuovo AC18 è un dispositivo dall'aspetto migliore sotto ogni aspetto. Uno dei fattori che ha reso il Netgear Nighthawk R7000 così popolare (oltre alle sue prestazioni stellari) è stato il suo design, che è stato ispirato dal bombardiere stealth Lockheed F-117 Nighthawk e ora, sembra che Tenda abbia scelto di seguire questa tendenza e abbia preso ispirazione da un altro bombardiere stealth, il Northrop Grumman B-2 Spirit, quando progettò l'AC18.

Quindi, il case in plastica è spigoloso, con interessanti tagli affilati e con una finitura nera opaca che copre l'intero dispositivo (non trattiene le impronte digitali). Riesco chiaramente a vedere alcune somiglianze con il D-Link DIR-890L, in particolare con la parte superiore triangolare rialzata e apprezzo il grande taglio verso la parte posteriore per fare spazio ad alcuni fori di ventilazione piuttosto grandi. A differenza dell'AC15, che poteva essere posizionato solo in verticale (e montato a parete), l'AC18 può essere posizionato in piano sulla superficie, proprio come molti altri router presenti sul mercato. Fortunatamente, l'ingombro dell'AC18 non è così grande (misura 10,2 x 6,6 x 2,5 pollici), quindi non occuperà molto spazio dalla scrivania (ma, se lo spazio è importante, puoi sempre montare il dispositivo sulla parete ). Inoltre, il dispositivo è ragionevolmente stabile grazie ai quattro piedini dalla parte inferiore e al suo peso (1,4 libbre), quindi anche se si utilizzano tutte le porte, il router non si muove.

Frontalmente l'AC18 sembra un granchio, con chele e tutto il resto e, un po' verso l'alto, c'è una serie di led che mostrano lo stato di Power, WAN (se il led lampeggia, la porta è trasmissione o ricezione dati), LAN, WPS (se il LED lampeggia, il processo di associazione WPS è attivo), 2.4G, 5G, USB 3.0 e Sistema (se il LED lampeggia, il sistema funziona correttamente). Sempre sulla parte frontale, ma un po' più in basso rispetto ai led, è presente una piccola cover removibile che, una volta rimossa, svela una porta USB 3.0. Questa è una bella aggiunta, ma, come ho detto prima, è meglio mettere tutte le porte sul retro, semplicemente perché nessuno vuole che i cavi sporgano da tutto il case.

Sul retro dell'AC18 puoi trovare una porta di alimentazione DC-IN, un pulsante Power, un pulsante WiFi On/Off (utile se non desideri utilizzare le reti wireless), un pulsante WPS, un piccolo pulsante incassato (utilizzato per ripristinare il dispositivo alle impostazioni predefinite di fabbrica), una porta Internet 10/100/1000 Mbps Gigabit WAN, tre porte 10/100/1000 Mbps Gigabit LAN e un'ultima, quarta porta Gigabit LAN che funge anche da porta IPTV per la connessione a una smart TV o STB (sempre sul lato posteriore, ci sono tre antenne 3dbi che non possono essere rimosse o aggiornate). Nella parte inferiore del router ci sono i quattro piedini rettangolari con gommini, molti fori di sfiato (è bello vedere che Tenda ha preso sul serio l'importanza di una corretta ventilazione), due fori per il montaggio a parete e un'etichetta con le informazioni sul dispositivo (l'indirizzo di accesso predefinito, l'indirizzo MAC, il numero di serie, l'SSID e la password predefiniti e il numero PIN).

Nota: di solito, i produttori trovano una formula di progettazione vincente e si attengono ad essa il più possibile, apportando piccole modifiche ad ogni iterazione e, poiché questa è una buona scelta di design per Tenda, spero che la utilizzino con qualsiasi router futuro.

Hardware
All'interno, il Tenda AC18 è dotato di un chipset Broadcom BCM4708A0KFEBG (come pubblicizzato, ha una CPU Dual Broadcom ARM Cortex-A9), 256 MB di RAM NANYA1615 NT5CB128M16FP (DDR3 1600 MHz), 128 MB di memoria flash (Winbond Electronics) ed entrambi i chipset a 2,4 GHz e 5 GHz sono basati sulla tecnologia Broadcom (BCM4360 KMLG).
Il Tenda AC18 offre una velocità teorica massima di 1.300Mbps (oltre la frequenza 5GHz e lo standard 802.11ac) e 600Mbps, utilizzando la frequenza 2.4GHz (grazie alla tecnologia Broadcom Turbo-QAM).

Ora che ho dato un'occhiata all'hardware interno, è diventato chiaro che è quasi identico all'ASUS RT-AC68U e, in base alla compatibilità del Tenda AC15 con Asuswrt-Merlin, è ovvio che il produttore ha optato per lo stesso tipo di compatibilità, questa volta con il firmware RT-AC68U Merlin.
Non è raro che i produttori di router condividano le stesse parti, ma, se Tenda vuole essere presa sul serio come ASUS, Linksys, Netgear e persino TP-Link, penso che sarebbe meglio creare le proprie caratteristiche che alla fine sarebbero metterli al posto meritato.

Prestazioni e connettività
Rispetto all'AC15, il Tenda AC18 ha praticamente le stesse caratteristiche per migliorare le prestazioni wireless e mantenere una rete stabile. C'è la (ormai) consueta tecnologia Beamforming+, che ha il ruolo di rilevare tutti i client collegati e focalizzare il segnale verso di loro (migliorando così notevolmente il throughput), invece di diffondere il segnale ovunque. Inoltre, le tre antenne dual-band dovrebbero aiutare a coprire un'area più ampia (poiché le antenne non possono essere rimosse, sei bloccato con la configurazione 3x3dbi).

Come previsto, Tenda ha evitato di implementare alcune funzionalità più avanzate, come MU-MIMO, tecnologie che di solito sono più adatte per router più costosi. Questo è vero per la maggior parte (Asus ha fatto una mossa audace con il suo RT-ACRH13) e, considerando il prezzo, l'AC13 è perfetto per gli utenti meno esigenti (la tecnologia MU-MIMO richiede hardware potente e adattatori WiFi compatibili, quindi se non ha bisogno di questa funzione, non ha davvero senso acquistare un dispositivo costoso e non utilizzarne tutta la potenza). Abbastanza sicuro, il Tenda AC18 utilizza la più comune tecnica round-robin, in cui un cliente viene servito alla volta (mentre il MU-MIMO serve più clienti contemporaneamente).

Per testare le prestazioni wireless dell'AC18, ho utilizzato un laptop 33 e un PC desktop (con un adattatore wireless compatibile) come piccola nota, non dimenticare che le prestazioni del tuo router dipenderanno dalle interferenze, ma anche dal adattatore wireless installato nei dispositivi collegati. Quindi, utilizzando la banda radio a 5GHz (standard 802.11ac), mantenendo i client vicini l'uno all'altro (circa 5 piedi), ho misurato una velocità media di 424Mbps (certo, è inferiore a quella dell'RT-AC68U, ma è sicuramente una buona prestazione). Successivamente, ho aumentato la distanza a 15 piedi e ho misurato una media di 366Mbps. Infine, a 100 piedi, il router è riuscito a fornire circa 170 Mbps.

Dopo essere passato alla banda radio a 2,4 GHz (e implicitamente allo standard 802.11n), ho misurato una media di 125 Mbps a un raggio più breve (5 piedi) e dopo che il client wireless è stato spostato a 15 piedi, l'AC18 ha gestito una media di 108Mbps. Per concludere il test wireless, ho aumentato la distanza a 100 piedi e ho misurato circa 78Mbps. Poiché il router ha una porta USB 3.0, è tempo di testare le prestazioni di archiviazione. Per farlo ho preso una cartella da 2.0GB, che contiene file vari (video, foto, musica) e ho misurato la velocità di lettura/scrittura: leggendo la cartella ho misurato una media di 51.4MBps e mentre scrivevo la cartella il la velocità è scesa a 33,7 Mbps (una migliore prestazione di archiviazione rispetto all'Asus RT-AC68U e a molti altri router più costosi sul mercato).

Impostare
Il processo di installazione è, come sempre, semplice e diretto e non avrai bisogno di più di un paio di minuti per avere una rete wireless in esecuzione. Innanzitutto, collega il router a un computer, quindi apri un browser web e digita tendawifi.com o 192.168.0.1 per avviare il processo di configurazione. La procedura guidata di configurazione rapida (se eseguita manualmente) ti chiederà di scegliere il tipo di connessione (può essere PPPoE, IP dinamico o statico), inserire il nome utente e la password dell'ISP. Successivamente, ti verrà chiesto di inserire il nome SSID e la password e, questo è tutto. Da qui si accede all'interfaccia web che permette di effettuare una configurazione più approfondita del router.

Il layout dell'interfaccia è molto semplice e minimalista, avendo la possibilità di cambiare la lingua o uscire dalla parte superiore e il menu principale si trova in verticale sulla sinistra, contenente le seguenti opzioni: Stato Internet, Impostazioni Internet, Impostazioni Wireless, Rete Ospite , Modalità sospensione, USB/Applicazione, VPN, Impostazioni avanzate e Impostazioni di sistema. Come suggerisce il nome, Internet Status mostra lo stato della tua connessione Internet, così come qualsiasi dispositivo connesso, incluso USB (con il numero di client nella lista nera) e ti consente di modificare alcune informazioni di base.

Le Impostazioni Internet ti guidano attraverso la configurazione iniziale (se è necessario modificare qualcosa con la connessione Internet) e le Impostazioni Wireless consentono di configurare il Nome e la Password WiFi, la Programmazione WiFi (abilitare o disabilitare il WiFi durante determinati periodi di tempo) , Wireless Repeating (può essere utilizzato sia in modalità WISP che Client & AP), Channel & Bandwidth, Transmit Power (è possibile modificare la potenza del segnale delle frequenze radio a 2,4 o 5 GHz), WPS e Beamforming (abilitare o disabilitare questa funzione ). Guest Network ti consente di creare reti separate per i tuoi ospiti, in modo che non accedano ai tuoi dati privati, ma abbiano comunque accesso a Internet. La modalità Sleeping ti aiuta a ridurre il consumo di energia e, se abiliti l'ora di inizio ritarderà quando i dati sono ancora trasmessi, quindi, se non c'è traffico dati, il router entrerà in modalità Sleep (se i dati vengono trasmessi a una velocità inferiore velocità superiore a 3KBps, il router entrerà in modalità Sleep dopo 30 minuti). La sezione VPN ha due opzioni, il server PPTP o il client PPTP/L2TP.

Le Impostazioni avanzate hanno le seguenti opzioni: Parental Control (consente di filtrare la disponibilità di Internet e l'accessibilità dei contenuti utilizzando il nome del dispositivo, l'indirizzo IP o l'indirizzo MAC e puoi anche creare pianificazioni), Bandwidth Control (impostare il caricamento e il download limite di ogni dispositivo connesso), App Tenda (se abiliti questa funzione potrai gestire da remoto il tuo router, utilizzando per semplicità l'App Tenda, potrai scansionare il QR code dal tuo smartphone o tablet), LED Control ( accendere, spegnere i LED o creare una pianificazione), DDNS, Virtual Server, DMZ (consente di comunicare con Internet senza alcun limite per un migliore throughput), Remote Management, IPTV (supporta le funzioni multicast e STB), Firewall (ICMP , TCP e UDP Flood Attack Defense e Ignore PING from WAN port protection), Routing statico (consente di creare percorsi semplici, affidabili e configurati manualmente tra l'indirizzo di origine e di destinazione) e UPnP (consente di mappare le porte per r una migliore esperienza di gioco online).

Le Impostazioni di sistema consentono di configurare le impostazioni IP LAN, la prenotazione DHCP, le impostazioni WAN, le impostazioni dell'ora, la password di accesso, eseguire il riavvio, l'aggiornamento del firmware, il backup/ripristino, controllare lo stato del sistema, il registro di sistema, eseguire la manutenzione automatica e ripristinare il sistema.
Uno dei principali punti deboli dell'AC15 era la sua interfaccia, ma l'AC18 ha sicuramente apportato alcuni miglioramenti e ha un'interfaccia complessivamente migliore, ma, in modo simile all'AC15, le persone preferiranno sempre il firmware personalizzato ASUSWRT Merlin rispetto a quello predefinito, semplicemente perché offre molte più funzionalità e una migliore personalizzazione.

Conclusione
Nel complesso, il Tenda AC18 è un dispositivo dall'aspetto migliore rispetto all'AC15, ha buone prestazioni wireless (soprattutto utilizzando la frequenza di 5GHz), hardware interno capace (quasi lo stesso dell'RT-AC68U) e un prezzo molto buono. È vero che questo sarebbe stato un dispositivo perfetto per il 2013 e potrebbe sembrare obsoleto nel 2016, ma, poiché ci sono molte persone che non sono disposte a pagare molto per le apparecchiature di rete più costose, questo nuovo router AC1900 rimarrà una buona scelta.

Tenda AC18

8.2

SEGNALE WIFI

8.3/10 >

FACILITÀ D'USO

8.0/10 >

CONFIGURABILITÀ

7.0/10 >

DISEGNO

8.8/10 >

CONVENIENZA

9.0/10 >

Professionisti

  • Design di bell'aspetto
  • Buone prestazioni Wi-Fi
  • USB 3.0
  • Economico

contro

  • Antenne non rimovibili
  • L'interfaccia sembra superficiale
  • La scelta dell'hardware interno è un po' datata
Ir arriba