Revisione del sistema WiFi TP-Link DECO M5 (ritestato dopo 2 anni)-Pagina 2 di 2

Inoltre, il Deco M5 utilizza la tecnologia MU-MIMO per collegare i nodi tra loro, ma anche per connettersi a qualsiasi client compatibile. La tecnologia MU-MIMO (Multi-User Multiple Input Multiple Output) consente al router di servire contemporaneamente più client contemporaneamente, invece di farli competere per la larghezza di banda (prima, un client alla volta). Come con ogni altra tecnologia di rete recente, MU-MIMO soffre della mancanza di dispositivi compatibili (abbastanza sicuri, sono stati presi provvedimenti con alcuni smartphone di fascia alta, ma rimane comunque un'opzione praticabile per il collegamento tra due router). Inoltre, c'è anche la funzione BeamForming (cosa che ci si aspetta da tutti i nuovi router) che ha il ruolo di focalizzare il segnale direttamente verso i client invece di trasmetterlo ovunque.

Per testare le prestazioni wireless del TP-Link Deco M5, ho preso un'unità router e l'ho collegata a Internet. Successivamente, ho collegato due computer, uno è un PC desktop dotato di un adattatore WiFi ASUS PCE-AC88 44 (funzionerà da client), mentre l'altro è un laptop dotato di un adattatore WiFi Intel 22 e funzionerà come server ( si collega via cavo). In questo modo, ho misurato le velocità di trasferimento dei dati in diverse posizioni all'interno della casa.

Dal client al server, a non più di 5 piedi, sono riuscito a misurare una media di 632 Mbps (la prima volta che ho provato ho ottenuto 490 Mbps) e, dopo aver aumentato la distanza tra il client e il nodo a 15 piedi , la velocità è scesa a 622 Mbps (anziché 331 Mbps). A 30 piedi, non ho misurato più di 328 Mbps ( 136 Mbps ). Dal server al client ho misurato una media di 350 Mbps, mentre a 15 piedi ho ottenuto circa 344 Mbps; a 30 piedi, la velocità è scesa a 274 Mbps. Questo è un notevole aumento rispetto all'ultima volta che ho testato il dispositivo, quindi è chiaro che TP-Link si è concentrato molto di più sulla fornitura di prestazioni migliori utilizzando un singolo nodo. Successivamente, ho preso il secondo router Deco M5 e l'ho collegato alla rete. In questo modo, dal client al server, a non più di 5 piedi, ho misurato una media di 241 Mbps (la prima volta ho ottenuto 265 Mbps), mentre a 15 piedi, la velocità è aumentata a 268 Mbps ( 188 Mbps ), quindi il sistema a due unità si ripristina dopo un aumento della distanza. Infine, a 30 piedi, ho misurato una media di 136 Mbps ( 110 Mbps ).

Dal server al client, ho misurato una media di 176 Mbps a 5 piedi, mentre a 15 piedi la velocità è rimasta costante a 174 Mbps; a 30 piedi, ho misurato una media di 112 Mbps. Successivamente, ho aggiunto il terzo nodo alla rete (a circa 35 piedi dal primo nodo, ma con uno spesso muro in mezzo) e ancora una volta ho collegato il client compatibile. Dal client al server, a 5 piedi, ho misurato una media di 233 Mbps (coerente a quello che ho ottenuto la prima volta: 234 Mbps) e dopo aver aumentato la distanza a 15 piedi, ho misurato non più di 211 Mbps ( 160 Mbps ). A 30 piedi, la velocità è scesa a 115 Mbps ( 89 Mbps ). Dal server al client, ho misurato una media di 135 Mbps a 5 piedi, mentre a 15 piedi ho ottenuto circa 130 Mbps; a 30 piedi, la velocità è scesa a una media di 88 Mbps.

Successivamente, ho deciso di utilizzare un client a 2,4 GHz per testare le prestazioni wireless: dal client al server, a 5 piedi, ho misurato fino a 178 Mbps ( 149 Mbps ), mentre a 15 piedi, la velocità è scesa a 132 Mbps ( 120 Mbps ) e a 30 piedi, è sceso ulteriormente a 97,6 Mbps ( 96 Mbps ). Dal server al client sono riuscito a misurare una media di 174 Mbps, mentre a 15 piedi ho ottenuto 168 Mbps; a 30 piedi, ho misurato una media di 147 Mbps. Poiché il Deco M5 sfrutta la tecnologia MU-MIMO (e, si spera che questa tecnologia sia più diffusa in futuro), ho preso tre laptop con schede wireless MU-MIMO compatibili e mantenendo ancora il sistema a tre nodi, ho ottenuto il seguenti risultati (non ho rifatto questa parte del test, quindi i risultati sono della prima volta che ho analizzato il prodotto): a 5 piedi, ho misurato una media di 76 Mbps, mentre, a 30 piedi, la velocità è scesa a 35 Mbps. Utilizzando un singolo nodo, non ho misurato più di 134 Mbps a distanza ravvicinata (5 piedi) e una media di 82 Mbps a 30 piedi.

Nota: un singolo TP-Link Deco M5 dovrebbe essere in grado di coprire fino a 1.500 piedi quadrati, mentre le tre unità sono pubblicizzate per essere in grado di coprire 4.500 piedi quadrati.

Configurazione e interfaccia
Il processo di configurazione è molto semplice e intuitivo (molto simile a come gestisce Google WiFi), quindi questi sono i passaggi che devi seguire: per prima cosa devi scaricare l'app Deco scansionando il codice QR o accedendo all'app store (disponibile solo per dispositivi mobili/tablet compatibili con Android e iOS), quindi è necessario registrarsi o accedere all'app utilizzando l'ID TP-Link (se non ne possiedi uno, la procedura di registrazione ti consentirà di creare it) e collegare il primo router Deco M5 a Internet (solitamente tramite modem via cavo).

Successivamente, l'app ti chiederà di scegliere la posizione del router, creare un nome di rete (SSID) e una password e potrai aggiungere ulteriori nodi Deco alla rete: per farlo, tocca Aggiungi un altro Deco e quindi l'app aiuta a trovare il punto giusto per la seconda unità, in modo che non sia troppo lontana dalla prima (il LED lampeggerà di colore blu) e infine, dopo che l'app ha trovato la seconda Deco, testerà la connessione per assicurarsi che tutto sia funziona bene. E questi sono i passaggi da seguire se vuoi aggiungere più unità. È chiaro che il processo di installazione è incredibilmente facile da seguire ed è uno dei più semplici che ho incontrato su un router o un sistema WiFi (rivale con la semplicità di Google WiFi).

TP-Link Deco M5 non dispone di un'utilità basata sul Web e l'unico modo per configurare e mantenere la rete è utilizzare l'app mobile. Questo sembra essere anche l'approccio preferito per Linksys Velop e Google WiFi, entrambi convincendo le persone a rinunciare alla buona vecchia interfaccia del PC e ad intraprendere la strada solo mobile. Non sosterrò che l'attuale configurazione è più facile da eseguire su un telefono cellulare che su un computer e sicuramente attrae un pubblico più ampio che prima aveva paura di approfondire il complicato mondo del networking. Ma ritengo che l'approccio corretto sarebbe quello di mantenere l'interfaccia basata sul Web poiché offre alle persone un maggiore controllo e libertà di scelta (in questo modo puoi facilmente mettere a punto tutto ciò che riguarda la rete, qualcosa che è praticamente irraggiungibile utilizzando un'app mobile ). Forse in futuro l'utilità per PC potrebbe diventare obsoleta, ma non credo che sia ancora giunto il momento (e la mancanza di libertà infastidirà sicuramente le persone esperte di tecnologia).

L'app mobile ha una dashboard principale che mostra lo stato dei tuoi nodi Deco M5 (insieme alla posizione), la velocità di download/upload, il numero di dispositivi collegati e c'è un collegamento al menu principale. Se scorri verso destra, hai la possibilità di creare una nuova rete, accedere a Guida e Informazioni. Il menu principale presenta le seguenti opzioni suddivise in due sezioni principali: Impostazioni router e HomeCare. Le impostazioni del router includono le impostazioni Wi-Fi, Test della velocità di Internet, Blacklist, Update Deco, Advanced e WPS. Le impostazioni WiFi consentono di modificare SSID e password, abilitare la Rete Ospite (con il proprio SSID e passkey) e, opzionalmente, impostare la condivisione della Rete Principale o dei dettagli della Rete Ospite scuotendo il telefono. La Blacklist consente di bloccare l'accesso a Internet a determinati client o altri dispositivi, mentre le impostazioni avanzate includono IPv4 e IPv6, configurazione VLAN, prenotazione indirizzo, inoltro porta, TP-Link DDNS, Roaming veloce, modalità operativa (modalità router o punto di accesso ), Notifiche e altro. Il WPS è un'aggiunta recente al Deco M5, ma vale la pena leggere questo articolo prima di decidere di usarlo.

Sotto HomeCare puoi trovare il Parental Control, l'Antivirus, QoS e Manager. Il Parental Control permette di creare profili per ogni persona in casa, selezionare quali dispositivi vengono utilizzati da loro, creare filtri (possono essere Bambino, Pre-adolescente, Adolescente o Adulto selezionare quali categorie bloccare (Contenuti per adulti, Gioco d'azzardo, Giochi) e a quali App o Siti Web non si dovrebbe accedere) e creare programmi per ciascun profilo (Limiti di tempo e Orario di andare a dormire). Inoltre, riceverai rapporti mensili sull'utilizzo (con l'attività di rete) che vengono inviati automaticamente al tuo telefono.

La sezione Antivirus è il modo in cui TP-Links aggiunge qualcosa di nuovo al modo in cui funziona il sistema WiFi e ha il ruolo di proteggere il tuo sistema e i dispositivi collegati da attacchi esterni, ha anche il ruolo di bloccare eventuali siti Web dannosi, oltre a prevenire qualsiasi dispositivo infetto dall'invio di informazioni importanti all'esterno della rete (aggiungendole alla quarantena). La funzione antivirus è fornita da una terza parte, Trend Micro, e viene fornita come software completamente attivato per tre anni e disponibile solo per il pacchetto da tre unità. Trascorsi i tre anni, è necessario sottoscrivere un canone mensile se si desidera continuare a utilizzare questo Antivirus, altrimenti alcune funzionalità potrebbero non funzionare più o funzioneranno in modo limitato.

Qualcuno potrebbe chiedersi se un'analisi continua del flusso di dati (per rilevare eventuali anomalie) debba sollevare qualche preoccupazione sulla privacy. Ebbene sì, ma non molto di più dell'antivirus nel tuo computer, dato che funzionano sugli stessi parametri (questo articolo ha fatto alcuni punti validi sul tracciamento dei dati e sul software antivirus). La sezione QoS ti consente di dare la priorità a dispositivi specifici per un periodo di tempo e puoi anche dare la priorità a un'attività (gioco, streaming, navigazione, chat o download). La sezione Gestori ti consente di includere gestori aggiuntivi, ognuno con il proprio ID TP-Link, in modo che accedano anche a tutte le impostazioni dell'app.

Nota: proprio come Google WiFi e molti altri sistemi WiFi, Deco M5 rimane sempre connesso ai server TP-Links, quindi alcune informazioni possono e saranno raccolte dalla tua rete.

Conclusione:
TP-Link Deco M5 è un interessante sistema WiFi che sfrutta la tecnologia mesh, supporta lo streaming di dati MU-MIMO, ha prestazioni wireless davvero buone (anche se è solo dual-band) e ha un processo di installazione incredibilmente semplice negli ultimi due anni, TP-Link ha migliorato le prestazioni wireless, in particolare per il nodo singolo e l'interfaccia utente è più stabile e ha più funzionalità. Certo, ci sono alcune cose che non mi sono piaciute, come la mancanza di un'interfaccia basata sul web, la mancanza di impostazioni più avanzate e ho sentimenti contrastanti sul Trend Micro Antivirus che è un buon concetto, ma non è indefinitamente parte del sistema e le persone che non ottengono il pacchetto da tre unità perderanno completamente questa funzione. Detto questo, è ancora un buon sistema mesh e, considerato il suo prezzo, vale sicuramente la pena prenderlo in considerazione se devi coprire una grande casa o un ufficio con WiFi.

Pagine: 1 2

TP-LINK Deco M5

8.4

SEGNALE WIFI

8.7/10 >

FACILITÀ D'USO

9.5/10 >

CONFIGURABILITÀ

7.5/10 >

DISEGNO

8.0/10 >

CONVENIENZA

8.3/10 >

Professionisti

  • Buone prestazioni wireless
  • Processo di installazione semplice e veloce
  • Controlli parentali davvero ben fatti e accurati
  • Ethernet + backhaul wireless
  • Ha un prezzo competitivo

contro

  • L'antivirus come servizio a pagamento separato dopo tre anni
  • Interfaccia solo app
Ir arriba