Recensione del tablet Dragon Touch Max10

Dragon Touch sviluppa tablet convenienti da quasi un decennio e il suo ultimo modello di punta è il Max10, costruito per affrontare la serie Fire HD e considerando che il produttore ha chiaramente una certa comprensione del suo pubblico, il tablet può sicuramente diventare un'opzione migliore rispetto al più recente HD 8 Plus. E con 3 GB di RAM, un display IPS Full HD da 10,1 pollici, una batteria da 5000 mAh e la CPU ARM Cortex-A55 di fascia media abbastanza potente, è difficile non dargli una seconda occhiata.

Dragon Touch Max10
DragonTouch.com Controlla il prodotto
Amazon.com Controlla il prodotto

È anche vero che il mercato dei tablet ha visto giorni molto migliori e poiché gli ultrabook sono diventati così sottili, leggeri e potenti e il display degli smartphone ha superato i 6 pollici, diventa un po' difficile giustificare l'acquisto di un tablet nel 2020.
Rimarrà comunque desiderabile per il consumo di contenuti multimediali grazie allo schermo più grande (durante un viaggio in aereo o in treno) e il Dragon Touch Max10 sembra brillare in questo reparto, sfoggiando un sistema a doppio altoparlante, connettività WiFi dual band e l'hardware interno dovrebbe essere sufficiente per la maggior parte dei giochi, anche quelli più impegnativi.

Mi aspetto di vedere alcuni compromessi per mantenere il prezzo accessibile come è attualmente, quindi diamo un'occhiata più da vicino e controlliamo se Dragon Touch è riuscito a costruire un dispositivo bilanciato, in grado di eclissare la popolare serie Fire HD di Amazon.
Nota: il Max10 è disponibile anche con 2 GB di RAM, ma considerando la piccola differenza di prezzo tra i due modelli, vale la pena scegliere il Dragon Touch Max10 da 3 GB.

Sommario

Progettazione e qualità costruttiva

Dal momento che il mercato dei tablet si è ridotto così tanto, ora ci sono le opzioni più costose dominate principalmente da Apple (sì, Samsung sta cercando di tenere il passo, ma non ha ancora preso piede) e poi ci sono i dispositivi entry-level che vanno a malapena utilizzabile in modo abbastanza decente. Il Dragon Touch Max10 si qualifica in qualche modo come un mid-ranger (anche se il prezzo è più vicino allo spettro più alto dei tablet entry-level) e dal punto di vista costruttivo, il produttore ha preso alcune buone decisioni, come il pannello posteriore in alluminio. Allo stesso tempo, la cornice è in plastica ma tra essa e il pannello frontale c'è un sottile bordo metallico. Per non fare dei fori nella parte posteriore in metallo, Dragon Touch ha deciso di fare affidamento su alcuni pezzi di plastica per il lato inferiore (attorno agli altoparlanti), così come per il lato superiore attorno alla fotocamera posteriore.

So che questo sembra un compromesso ragionevole per ridurre i costi, ma la plastica non è molto dura e scricchiola quando ho applicato una certa pressione. Di conseguenza, inizialmente pensavo che il tablet non fosse ben incollato insieme, ma mi sono reso conto che principalmente le parti in plastica sono le colpevoli (compreso il telaio).
Vale la pena notare che, a differenza di molti altri tablet là fuori progettati con il layout con orientamento verticale, il Dragon Touch Max10 è progettato pensando alla vista orizzontale, quindi aspettati che i pulsanti, gli altoparlanti e le fotocamere siano posizionati di conseguenza. In effetti, i due altoparlanti sono rivolti verso il basso quando il tablet è tenuto in modalità orizzontale, il che può amplificare il suono quando il Max10 rimane su una superficie dura, ma può anche attutirlo se lo tieni contro un panno (come in grembo). Gli altoparlanti non sono molto rumorosi (2 x 1 W), ma dovrebbero funzionare abbastanza bene se guardi alcuni video in una stanza tranquilla, ma se prevedi di ascoltare musica ad alto volume, avrà problemi sia con gli alti che con i bassi. La buona notizia è che c'è un jack da 3,5 mm nell'angolo in alto a sinistra nel caso in cui desideri utilizzare delle cuffie, c'è anche il Bluetooth per i tuoi auricolari TWS. Sotto il jack per le cuffie, il produttore ha posizionato il pulsante Power, l'interruttore del volume e un piccolo foro per accedere al pulsante Reset.

Devo ammettere che la disposizione del paesaggio all'inizio sembra un po' innaturale, ma dovresti prenderne la padronanza in circa un paio di giorni. Nell'angolo in alto a destra, il Max10 ha una porta USB-C per ricaricare la batteria (5V/2A) e accanto c'è un piccolo spazio nella plastica per aiutarti a rimuovere il coperchio per esporre lo slot per schede microSD che supporta a 128 GB di spazio di archiviazione aggiuntivo (ho trovato il coperchio di plastica un po' fragile).

Se messo accanto al mio tablet Samsung Tab A 10.1 (2016), il Dragon Touch Max10 è un po' più largo (0,34 pollici) e, mentre il display ha praticamente le stesse dimensioni, il Max10 misura 9,45 x 6,57 pollici (al contrario del 10.01 x 6.11 della Tab A). Il Samsung Tab A 2016 non può essere considerato un tablet leggero con i suoi 1,16 libbre, ma il Max10 sembra essere leggermente più pesante, con un peso di 1,23, il che non è una buona notizia per coloro che preferiscono tenere il tablet in mano per un periodo di tempo prolungato.

Il display

All'interno delle cornici relativamente larghe, poggia il display IPS da 10 pollici con una risoluzione di 12001920, rapporto 16:10, 16 milioni di colori e la densità dei pixel, sebbene non divulgata dal produttore, chiaramente non è al livello dell'iPad o del Samsung AMOLED, ma è abbastanza decente se visto all'interno. All'esterno, farà sicuramente fatica a causa del display poco luminoso e della luminosità non così alta (lo tengo sempre al massimo ed è decente solo quando sono in casa). Il tablet non utilizza Gorilla Glass per la protezione e si affida invece ad un semplice pannello touch capacitivo ricoperto da vetro temperato e, out of the box, il produttore ha già applicato uno strato protettivo trasparente. Di solito c'è una distanza tra i pixel del display e lo strato superiore dello schermo e, mentre di solito non la vedo su altri tablet, ho trovato strano che sia così evidente sul Max10 (è come se il display stesso fosse coperto da un pannello trasparente molto spesso strato).

Gli angoli di visuale sono buoni (ho visto un piccolo cambiamento di colore e solo per il bianco che è diventato un po' verdastro), ma i colori non sono vividi come sul Samsung Tab A e si sentono un po' sbiaditi, anche se solo leggermente. Tuttavia, per guardare film o video di YouTube, è più che sufficiente. Quando ho testato il Lenovo Yoga Smart Tab, ho notato che l'app Netflix non mi permetteva di andare oltre i 720p, nonostante il display fosse 1080p e il motivo era che l'app non poteva essere disinstallata. Ovviamente, questo non è un problema su Dragon Touch Max10 ed è una di quelle occasioni che ti mostrano perché il bloatware è dannoso.

Hardware interno e prestazioni

Dopo aver installato CPU-Z e averlo eseguito su Dragon Touch Max10, ho visto che il tablet è dotato di una CPU octa-core ARM Cortex-A55 con clock a 1,6 GHz che è un discreto mid-ranger e dovrebbe andare bene con la maggior parte delle applicazioni . Inoltre, il dispositivo ha una GPU PowerVR Rogue GE8322 di Imagination Technologies che è una scheda grafica entry-level e sono disponibili 2 o 3 GB di RAM (di nuovo, la differenza di prezzo tra i due modelli è troppo piccola per non optare per il meglio versione), oltre a 32 GB di memoria interna.

Poiché gran parte del pubblico di destinazione vorrà giocare ad alcuni giochi, ho deciso di eseguire PUBG mobile (Mappa nordica) e installarlo richiede un po' di tempo (circa 5 minuti), ma dopo averlo fatto, il tempo impiegato dall'esecuzione del gioco per iniziare effettivamente una partita era di circa 40 secondi. Ovviamente, le impostazioni grafiche erano impostate su Smooth e in effetti, questa era l'unica impostazione che consentiva un gameplay fluido. Successivamente, ho deciso di installare Asphalt 8 che è stato per molto tempo considerato un gioco ricco di risorse.

Dopo aver eseguito il gioco, sono stato piacevolmente sorpreso di vedere che, anche se la grafica era impostata su Medium, il gioco è rimasto molto fluido e con zero scatti. I 3 GB di RAM aiutano molto con il multitasking e non ho avuto problemi ad aprire più app. Successivamente, ho deciso di eseguire alcuni benchmark e, in particolare, ho utilizzato AnTuTu 8, GeekBench 5 e GFXBench. Il benchmark AnTuTu 8 mostra un punteggio di 101.259 che non è molto distante dalle prestazioni del Lenovo Yoga Smart Tab, ma andando un po' più in profondità vediamo che mentre il punteggio per la CPU è 40.398, non è andato molto bene per la GPU che è 5.724 (contro le 10.656 dello Yoga Smart Tab). Il punteggio del test di memoria era 37.148, il che è decente e il punteggio UX era 17.989.

Il prossimo benchmark che ho eseguito è stato GeekBench 5 e il punteggio single-core era 152, mentre il punteggio multi-core era 813. Questo è accettabile per un tablet di livello medio-basso ed è ancora al di sotto di Samsung Galaxy A50 , ma ancora una volta chiudi sorprendentemente il Lenovo Smart Tab.

Infine, ho eseguito il benchmark GFXBench e ha mostrato un punteggio molto vicino alle prestazioni del Samsung Galaxy Note 5 e del Note 4. Nei test di alto livello, il tablet si è comportato discretamente bene nel test T-Rex e nei test di basso livello, i migliori Fps si possono vedere ai test Driver Overhead 2. Vale la pena ricordare che durante l'esecuzione di questi test, il tablet si è scaldato un po', ma non si è mai scaldato al tatto.

Software

Dal punto di vista del software, Dragon Touch Max10 utilizza la versione Android 9.0 e non c'è alcuna skin sopra, è la versione effettivamente stock, il che è fantastico poiché a nessuno piace il bloatware. In effetti, su questo tablet non ce n'è, le uniche app preinstallate sono quelle di Google: YouTube, Play Store, Google Drive, Gmail, Radio FM e così via (sì, le serie Fire HD sono piene di tante pre- app installate). A parte questo, non c'è molto da dire poiché la navigazione nell'interfaccia è rapida e fluida (ho riscontrato zero balbuzie) e ho potuto aprire molte app senza problemi.

È passato del tempo da quando Android 10 è stato reso disponibile e spero che Dragon Touch stia lavorando per aggiornare il Max10 alla versione più recente di Android (dato che sembra essere stock, non dovrebbe essere così difficile farlo).

Fotocamera e durata della batteria

Il Dragon Touch Max10 è dotato di una fotocamera posteriore da 2 megapixel e una fotocamera frontale da 2 megapixel, che funzionano entrambe abbastanza bene quando c'è abbastanza luce (idealmente, all'aperto). Certo, può essere utilizzato nel caso in cui sia necessario ottenere uno scatto eccezionale e la fotocamera principale è fuori portata, ma non aspettarti che il tablet catturi delle foto fantastiche (c'è molto rumore, soprattutto all'interno). La fotocamera frontale è stata aggiunta per le teleconferenze e, in effetti, non è adatta a nient'altro (devi usare qualcosa di meglio per i tuoi selfie sui social media). Vale la pena ricordare che esiste la modalità HDR, ma non sono riuscito a vedere alcuna differenza tra questa e la modalità predefinita.

Foto scattata con il Max10

All'interno della custodia, il produttore ha aggiunto una batteria non rimovibile da 5.000 mAh che non è poi così tanto per un tablet e per vedere come si comporta bene, ho deciso di eseguire alcuni video in loop fino allo spegnimento del tablet. È importante sapere che poiché il display non è molto luminoso per impostazione predefinita, ho dovuto spingere la luminosità al 100% tutto il tempo per ottenere uno schermo adeguatamente illuminato e questo penalizzerebbe le prestazioni della batteria. Detto questo, durante il loop dei video, la batteria è passata da 100 a 0 in circa 4 ore e mezza. So che il Lenovo Yoga Smart Tab ha funzionato molto meglio, ma il display sembrava lo stesso con una luminosità del 50%, quindi questo non è stato davvero il miglior compromesso da fare per il produttore. Il Max10 non supporta alcuna tecnologia di ricarica rapida, quindi ci vorrà del tempo prima che passi dallo 0 al 100% (meglio lasciarla durante la notte poiché può richiedere più di 5 ore).
Nota: mentre il tablet non viene utilizzato, ho notato che la batteria non si scarica (è rimasto operativo per più di una settimana).

Conclusione

Il mercato dei tablet a prezzi accessibili è un po 'complicato poiché il prezzo può essere mantenuto basso solo dopo che i produttori hanno fatto alcuni compromessi significativi e so che la maggior parte di voi sceglierebbe semplicemente la serie Fire HD e la chiamerebbe un giorno. Ma Dragon Touch Max10 è anche una scelta solida grazie alla sua interfaccia priva di bloatware supportata da un hardware abbastanza potente che ti consente di giocare (con la grafica bassa o media) e aprire più app senza preoccuparti troppo delle risorse. Ovviamente bisogna tenere in considerazione la disposizione orizzontale dei pulsanti e delle fotocamere, il display poco luminoso (a meno che non si voglia mantenere la batteria al 100%) e tutti quegli scricchiolii quando si tiene il tablet in mano non rendono proprio giustizia a il pannello posteriore metallico. Poi di nuovo, questo è un dispositivo molto conveniente e se puoi accettarne i difetti, allora sarà un tablet adatto per tenere occupati i bambini o per lunghi viaggi.

Dragon Touch Max10

7.9

DISEGNO

7.5/10 >

FACILITÀ D'USO

7.8/10 >

SCHERMO

7.0/10 >

DURATA DELLA BATTERIA

7.5/10 >

CONVENIENZA

9.5/10 >

Professionisti

  • Hardware interno decente
  • Pannello posteriore metallico
  • Porta di ricarica USB Type-C + supporto per banda 5GHz
  • Doppio altoparlante
  • Stock Android 9.0

contro

  • La custodia scricchiola quando la tieni in mano
  • Il display è scuro e, poiché deve essere mantenuto sempre vicino al 100% di luminosità, riduce notevolmente la durata della batteria
  • Il layout del paesaggio può essere un po' strano
Ir arriba