First Alert SCO501CN-3st Smoke and Co Detector Review

Il First Alert SCO501CN-3ST è un rilevatore di fumo e CO tradizionale certificato UL costruito per garantire la sicurezza della tua casa, affidandosi a un sensore fotoelettrico per rilevare il fumo, un sensore elettrochimico per rilevare i livelli crescenti di monossido di carbonio e un allarme vocale ad alta voce per fare sicuro di svegliarti in caso di emergenza (conforme a UL STD 217 e UL STD 2034). Sebbene manchi dei campanelli e dei fischietti di un rilevatore di fumo intelligente (come Nest Protect ), il First Alert SCO501CN-3ST può interconnettersi con un massimo di altri 15 rilevatori tramite wireless (16 dispositivi in ​​totale) e il sistema può essere facilmente programmato per gridare la posizione della stanza in cui è stato rilevato fumo/CO.

Primo avviso SCO501CN-3ST
Amazon.com Controlla Offerta

È vero che il mercato sta pian piano spingendo il cliente verso l'adozione di dispositivi più intelligenti che possano essere collegati alla rete WiFi, ma considerando che il rilevatore di fumo può fare la differenza tra la vita e la morte, più funzionalità oltre al rilevamento di fumo (o CO) potrebbero significare che molte cose possono andare storte e poiché l'IoT non è ancora adeguatamente maturato, nessuno vuole essere un beta tester quando potrebbero essere in gioco le loro stesse vite. Ecco perché il consenso generale è che i tradizionali rilevatori di fumo siano considerati più affidabili, quindi diamo un'occhiata più da vicino e vediamo se il First Alert SCO501CN-3ST può garantire la sicurezza della tua casa in caso di incendio o se dovresti prendere in considerazione un dispositivo più intelligente .

Progettazione e installazione
Il tradizionale rilevatore di fumo e CO non ha subito molte trasformazioni di progettazione nel corso degli anni, quindi c'è un'alta probabilità che il tuo rilevatore di fumo di 10 anni sembri quasi identico al suo nuovo sostituto. Il motivo è perché i produttori hanno trovato poche ragioni per migliorare un design già funzionale e, poiché il dispositivo molto probabilmente finirà sul soffitto, una custodia circolare compatta e una finitura bianca opaca sono più che sufficienti per rendere il rilevatore di fumo discreto .

Dopo aver estratto il First Alert SCO501CN-3ST dalla scatola, noterai che segue effettivamente un progetto simile alla grande maggioranza dei rilevatori di fumo disponibili, sfoggiando una custodia ottagonale (con angoli arrotondati) interamente realizzata in plastica ricoperta da una finitura opaca (non trattiene le impronte digitali) e su un bordo, noterai un vano batterie aperto con due batterie già incluse (premi il vassoio per attivare il rilevatore di fumo).

Il case è formato da due parti collegate, la parte superiore ha quella caratteristica forma a mezzaluna che ospita due fori incassati da cui brillano i LED Smoke (Power) e CO (Move to Fresh Air), accanto a un'icona Wireless (rafforza l'idea che puoi interconnettere più di un dispositivo in modalità wireless) e, verso il bordo inferiore, sono presenti più ritagli per l'altoparlante anteriore. Accanto al logo First Alert, noterai anche un pulsante Test/Silenzio settimanale che ha diverse funzioni: premilo una volta per testare l'allarme e, nel caso in cui il dispositivo abbia rilevato fumo o livelli di CO in aumento, puoi tenere premuto questo pulsante per silenziarlo temporaneamente; inoltre, se le batterie sono scariche, è anche possibile premere il pulsante per silenziare l'allarme latch.

La parte inferiore del First Alert SCO501CN-3ST è molto generosa con i ritagli (che coprono quasi interamente i bordi) per consentire facilmente al fumo o alle particelle di CO di entrare nella camera di rilevamento e sul fondo, First Alert ha aggiunto un completo etichetta con le istruzioni (compresa la sensibilità al CO misurata), nonché una piccola area in cui è possibile scrivere la data di installazione, per ricordare quando è necessario sostituire l'unità (il produttore suggerisce un massimo di 7 anni). Quello che non mi è piaciuto del dispositivo è che le due sezioni non sono attaccate correttamente l'una all'altra e che la plastica è fragile al tatto, una custodia più robusta farebbe la differenza quando rileva fumo o CO, ne dubito, ma considerando che il SCO501CN-3ST è ancora tutt'altro che economico (per un rilevatore di base), il produttore avrebbe potuto riflettere di più su questo aspetto.

Quando ho testato Nest Protect , ho notato che era leggermente più grande del rilevatore di fumo medio, ma anche il First Alert SCO501CN-3ST è un po' grande, misurando 5 x 5 x 2 pollici, quindi è più largo della maggior parte rivelatori sul mercato, il che significa che può attirare una certa attenzione soprattutto se montato a soffitto. Detto questo, indipendentemente dal fatto che monti il ​​dispositivo a parete o a soffitto (assicurati di lasciare almeno 12 pollici dall'angolo più vicino, ma è l'ideale avere un minimo di 20 pollici dalla prima parete), il processo di installazione è abbastanza semplice e tutto ciò che devi fare è staccare la staffa di montaggio dalla parte inferiore del rilevatore di fumo e CO spostandola in senso antiorario (viene già fissata al dispositivo), praticare un paio di fori nella parete o nel soffitto e utilizzare la coppia di viti in dotazione per collegare la staffa di montaggio a una superficie piana.

Successivamente, chiudi il vano batteria e dovresti sentire Benvenuto, Primo avviso Allarme fumo e monossido di carbonio seguito da Nessuna posizione programmata; se non succede nulla dopo aver chiuso il vassoio, controlla se le batterie non sono state aggiunte capovolte (è successo nel mio caso). Per programmare la posizione del rilevatore di fumo/CO, tieni premuto il pulsante Test/Silenzio (come guidato dalle istruzioni vocali) e, quando senti la posizione corretta, premi e tieni premuto nuovamente il pulsante per salvare la nuova posizione (se togliere le batterie, non mantiene la posizione). Se si dispone di più dispositivi, è possibile interconnetterli e per farlo è necessario tenere aperto il vano batteria della seconda unità, tenere premuto il pulsante Test e chiudere il vano; subito dopo aver sentito il segnale acustico, rilasciare il pulsante e quando si nota che il LED di alimentazione inizierà a lampeggiare in verde, tenere premuto il pulsante Test sulla prima unità fino a quando il secondo rilevatore emette un segnale acustico e il LED di alimentazione smette di lampeggiare.

Si consiglia di eseguire un autotest prima di collegare il First Alert SCO501CN-3ST al supporto a parete per verificare se tutto funziona correttamente: premere e tenere premuto il pulsante Test/Silenzio settimanale finché non si sente la voce che dice Test seguito da tre segnali acustici, mettere in pausa e di nuovo tre segnali acustici di clacson e successivamente si sentirà l'avviso di evacuare fumo/monossido di carbonio in [posizione]. Evacuare; allo stesso tempo, il LED Smoke (e il LED CO durante il test) lampeggeranno in sincronia con il pattern dell'avvisatore acustico. Al termine del test, prendi l'unità First Alert e fissala alla staffa di montaggio (ruotala in senso orario).

Caratteristiche e prestazioni
I rilevatori di fumo si basano su due tipi di sensori per rilevare rapidamente l'aumento dei livelli di fumo all'interno della stanza, uno è il sensore di ionizzazione, l'altro è il sensore fotoelettrico. Il sensore a ionizzazione utilizza una piccolissima traccia di materiale radioattivo (Americium 241) e, grazie ad un paio di piastre, crea un campo elettrico, ionizzando quindi l'aria all'interno di una camera. In caso di incendio, le particelle di fumo entrano in questa camera interrompendo il flusso d'aria e attivando l'allarme, il sensore a ionizzazione è il più utilizzato per rilevare piccole particelle (tra 0,01 e 10 micron).

Nel caso del sensore fotoelettrico (quello utilizzato dallo SCO501CN-3ST) è presente un raggio di luce che punta lontano dal sensore e, quando le particelle entrano nella camera, colpiscono la luce che si disperde verso il sensore, innescando l'allarme questo tipo di sensore funziona meglio con particelle più grandi (tra 1 e 10 micron). Esiste un terzo tipo di sensore utilizzato da Nest Protect in grado di rilevare le particelle più piccole utilizzando lo stesso principio del sensore fotoelettrico (invece del raggio di luce, utilizza una luce blu per rilevare le particelle più fini).

Il First Alert SCO501CN-3ST è dotato solo di un sensore fotoelettrico (First Alert ha a disposizione alcuni rilevatori a doppio sensore, come SA320CN o SA3210) e, per rilevare i livelli crescenti di CO, si basa su un monossido di carbonio elettrochimico sensore (Figaro TGS5042) che utilizza una cella a combustibile per ossidare la CO in CO2 a un elettrodo e consuma ossigeno all'altra estremità, creando una corrente di segnale proporzionale alla quantità di CO gassosa rilevata nell'area. L'USFA (US Fire Administration) consiglia di testare i rilevatori di fumo utilizzando il pulsante Test dedicato almeno una volta al mese, ma First Alert insiste sul fatto che è meglio eseguire un autotest su base settimanale. Sfortunatamente, molti rilevatori di fumo non controllano realmente i sensori durante questi autotest (solo il circuito generale), ma First Alert dice che per i suoi rilevatori di fumo fotoelettrici, quando viene premuto il pulsante Test, mette un materiale riflettente davanti a il raggio luminoso disperde la luce verso il sensore allo stesso modo delle particelle di fumo, facendo scattare l'allarme.

Naturalmente, alcune persone potrebbero non essere soddisfatte da questo metodo e certamente esistono altri mezzi per testare il rilevatore di fumo (come visto nell'articolo Come testare un rilevatore di fumo). Come previsto, non dovresti mai usare il fuoco reale poiché danneggia la tua unità o addirittura può bruciare la tua casa, ma c'è un'alternativa sotto forma di fumo aerosol (sintetico) che può simulare condizioni di incendio reale (con particelle piccole e più grandi) . Vale la pena notare che la stragrande maggioranza del fumo di aerosol è altamente infiammabile, quindi prenderei le precauzioni necessarie durante il test di qualsiasi rilevatore di fumo (non fumare mentre lo fai) ovviamente ci sono alcune bombolette spray non infiammabili di Solo, ma sono un po' più costoso.

Per testare il tempo di reazione del First Alert SCO501CN-3ST, ho usato lo Smoke Sabre Aerosol che ha un pezzo di plastica esteso che impedisce al fumo sintetico di fluire direttamente verso il rilevatore di fumo. Come quando ho testato Nest Protect di seconda generazione, ho spruzzato il fumo dell'aerosol per 1 secondo da circa un piede e l'allarme si è attivato dopo circa 15 secondi. Quando ciò è accaduto, il forte clacson ha suonato quattro volte, ha fatto una pausa e ha suonato di nuovo quattro volte, la voce ha detto Avvertimento, evacuare il fumo (o CO, se rileva livelli di gas in aumento) in [posizione scelta], evacuare e il LED lampeggia in rosso in sincronia con lo schema del clacson.

Per mettere il dispositivo in modalità silenziosa, è necessario tenere premuto il pulsante Test/Silenzio per un periodo compreso tra 3 e 5 secondi (non è necessario estrarre le batterie per silenziare l'allarme). Nella fase successiva, ho spruzzato l'aerosol verso l'SCO501CN-3ST per un secondo da 2 piedi e l'allarme è scattato dopo circa 22 secondi; infine, ho spruzzato il fumo finto per 1 secondo da 3 piedi e l'aerosol si è disperso troppo rapidamente per far scattare l'allarme e lo stesso è successo dopo averlo spruzzato per due secondi 3 secondi di fumo sintetico hanno funzionato e hanno attivato l'allarme dopo circa 21 secondi.

Conclusione
Il First Alert SCO501CN-3ST è uno dei rilevatori di fumo e CO più diffusi sul mercato ed è facile capire perché poiché offre la possibilità di collegare tra loro più dispositivi via wireless senza fare affidamento su un'app, ha un allarme vocale ( oltre al clacson e al LED), oltre alla possibilità di impostare una posizione. Non ero del tutto convinto dalla qualità costruttiva, ma, nel complesso, fa egregiamente il suo lavoro, poiché rileva il fumo in modo relativamente tempestivo e mi piace il fatto che gli autotest siano accurati, quindi si capisce perché molti le persone preferiscono questo rilevatore di fumo senza fronzoli invece dell'alternativa intelligente.

Primo avviso SCO501CN-3ST

7.6

DISEGNO

7.5/10 >

FACILITÀ D'USO

8.0/10 >

CARATTERISTICHE

7.5/10 >

CONVENIENZA

8.0/10 >

CONFIGURABILITÀ

7.0/10 >

Professionisti

  • È possibile collegare tra loro più rilevatori di fumo tramite wireless
  • Allarme vocale
  • Conforme a UL217 e UL2034
  • Sensori fotoelettrici + elettrochimici
  • Corno rumoroso

contro

  • Non sembra costruito in modo solido
  • È necessario tenere premuto il pulsante Test/Tacitazione per 3-5 secondi per silenziare un allarme (che può essere fastidioso in caso di falso allarme)
Ir arriba