Come utilizzare un vecchio router come ripetitore wireless per espandere la tua rete wireless

È abbastanza chiaro che a nessuno piacciono i cavi in ​​casa e se esiste un modo wireless per collegare tutti i nostri dispositivi, lo adotteremmo volentieri. Sulla base di questo paradigma, sono emersi router wireless e in seguito tutta una serie complessa di dispositivi che si connettono tra loro, con l'unico scopo di offrire un'esperienza di casa intelligente.
Ma anche al giorno d'oggi a volte soffriamo di uno scarso segnale WiFi, soprattutto se la nostra casa è un po' più grande e ha molti muri di cemento che interrompono il segnale wireless dal raggiungere alcune stanze o aree.


Alcuni produttori hanno pensato di dare una mano con sistemi WiFi come Eero Home WiFi System o Luma WiFi System, ma il prezzo potrebbe scoraggiare buona parte dei potenziali clienti. La parte divertente è che potresti essere in grado di risolvere il tuo problema utilizzando un vecchio router inutilizzato (o acquistandone uno economico).

Abbiamo visto come trasformare un router inutilizzato in un punto di accesso, ma se vuoi che il tuo vecchio router si connetta in modalità wireless al router principale e consenta ai tuoi client di essere collegati anche senza cavo, dovresti considerare di configurare un secondo router come ripetitore senza fili.
Nota: non deve essere confuso con il bridge wireless che collega tra loro due reti e non consente la connessione dei client wireless.

Che cos'è un ripetitore wireless?

Un ripetitore wireless (chiamato anche extender) è un dispositivo di rete che cattura il segnale wireless preesistente dal router wireless primario e lo invia nuovamente, creando così una seconda rete wireless. Dovresti usare un ripetitore wireless quando hai una casa più grande (o piccoli uffici) e hai bisogno che alcune stanze o aree siano coperte dalla rete wireless.
Inoltre, anche se la tua casa non è così grande, potresti comunque trovarti nei guai se hai molte interferenze, come spesse pareti di cemento o microonde e un ripetitore wireless posizionato correttamente può prevenire molti mal di testa.
Ma ci sono alcuni inconvenienti di cui dovresti essere a conoscenza. Un ripetitore wireless ridurrà il throughput wireless di circa il 50% e questo perché la trasmissione non passa direttamente dal router al client, ma attraverso il ripetitore. Dovresti anche tenere d'occhio i canali utilizzati, poiché potresti ottenere più facilmente interferenze.

Un'altra cosa a cui dovresti pensare è la compatibilità. Ad esempio, se si dispone di un router dual band e si desidera ripetere il segnale a 5 GHz, è necessario un extender che supporti la banda a 5 GHz. Inoltre, dovresti anche pensare alla sicurezza, poiché un router più vecchio potrebbe supportare solo la crittografia WEP o WPA e mancare del più nuovo e migliore WPA2.
Nota: ci sono alcuni buoni extender wireless dedicati che si connettono ai tuoi dispositivi (come laptop o TV), come Netgear N300 o TP-Link N300 .

Come utilizzare un router come ripetitore wireless

Trasformare un router in un ripetitore non è poi così difficile e ci sono due modi per farlo, a seconda del firmware e se offre la modalità ripetitore in modo nativo o se è necessario installare un firmware personalizzato, come DD-WRT, OpenWRT o Tomato.
Se il tuo router ha la funzionalità di ripetitore wireless integrata, forniremo istruzioni generali che possono essere utilizzate per ogni modello sul mercato.

PASSO 1: Ripristina il vecchio router alle impostazioni di fabbrica.
Questo è importante soprattutto se non usi il router da molto tempo e hai dimenticato le modifiche che potresti aver apportato. Per evitare grattacapi indesiderati in futuro, è meglio avere il router con le impostazioni predefinite.
Per ottenere ciò, alcuni router hanno un pulsante dedicato che devi premere per circa 30 secondi, altri router hanno un foro in cui dovrai inserire una graffetta per accedere all'interruttore di reset.

PASSO 2: Ottieni l'indirizzo MAC sia del router principale che di quello vecchio.
Di solito, la maggior parte dei produttori annota l'indirizzo MAC su un'etichetta che si trova nella parte inferiore del router (l'indirizzo MAC dovrebbe apparire così: AA:AA:AA:AA:AA:AA). Puoi anche scoprire l'indirizzo MAC accedendo al tuo router e controllando la scheda di stato. Ad esempio (D-Link):

PASSO 3: Collega il vecchio router a un computer e accedi all'interfaccia.
Usa una porta LAN per connetterti a un computer (non collegare il cavo Ethernet alla porta WAN, poiché in seguito non sarai in grado di accedere al router, succede più spesso di quanto ti aspetteresti) e digita in un browser l'indirizzo IP del router.
Di solito, l'indirizzo IP predefinito di un router è 192.168.0.1 o 192.168.1.1. Se non sei sicuro, puoi controllare l'indirizzo IP predefinito scritto dal produttore sull'etichetta in basso. Qui puoi anche trovare il nome utente e la password predefiniti per accedere all'interfaccia.

PASSO 4: Naviga nell'interfaccia e trova le impostazioni del ripetitore.
Su alcuni router questo passaggio è facile e chiaro, mentre su altri è un gioco di indovinelli. Ciò significa che mentre su alcuni router vedrai chiaramente tutte le modalità che il tuo router può offrire e accedi facilmente alla modalità Wireless Repeater, altri router, come Apple Airport, non c'è una chiara differenza tra i ripetitori e la modalità bridge wireless.
È importante verificare come il produttore del router ha configurato il router, prima di scegliere la modalità. Questo può essere fatto accedendo alla documentazione, online o utilizzando il manuale utente fisico.

PASSO 5: Scegli la modalità corretta.
Questo è abbastanza semplice, dopo aver trovato la sezione corretta, scegli la modalità Ripetitore wireless.

PASSAGGIO 6: Immettere l'indirizzo MAC del router principale.
A seconda del modello di router, dovrai inserire l'indirizzo MAC dopo aver selezionato la Wireless Base Station, se il tuo router utilizza Netgear SmartWizard, o nel MAC di IP se utilizza TP-LINK. Di solito, l'interfaccia utente è abbastanza chiara ed è facile capire dove inserire l'indirizzo MAC.
Nota: alcuni router arrivano persino a permetterti di scegliere la tua rete principale e aggiungerà automaticamente l'indirizzo MAC senza che tu debba avere problemi a trovarlo.

PASSO 7: salva le tue impostazioni.
E hai finito! Ora hai configurato correttamente il tuo ripetitore wireless.

Cosa succede se il router non supporta la modalità ripetitore wireless?

Non dovresti preoccuparti perché puoi installare un firmware personalizzato che abiliterà questa impostazione. Ad esempio, il TP-LINK TL-WR841N , un router piuttosto economico, non ha queste modalità di fabbrica, ma installa il firmware DD-WRT e puoi utilizzare questa funzione (e altro). Puoi anche provare OpenWRT per le stesse prestazioni complessive.

Dovresti essere consapevole del fatto che quando si installa un firmware personalizzato, ci sono alcuni rischi. Prima di tutto, se non installi la versione corretta per il tuo router potresti ritrovarti con un router in muratura. In questo caso, il danno potrebbe essere permanente.
Inoltre, se acquisti un nuovo router al solo scopo di usarlo come ripetitore, potresti invalidare la garanzia del prodotto. Se sei pronto, iniziamo il processo.

PASSAGGIO 1: Ricerca e scarica la versione firmware compatibile per il tuo router.
Questo è molto importante, perché come abbiamo detto, potresti finire con un router in muratura. Se hai bisogno di aiuto, entrambe le comunità DD-WRT e OpenWRT sono davvero aperte ad aiutare, quindi non esitare a visitare i loro forum.

PASSO 2: : Installa il firmware DD-WRT sul tuo router.
Dopo aver scaricato i file del firmware sul computer, collegare il router, utilizzando la porta LAN e accedere all'interfaccia. Per evitare configurazioni dimenticate, è necessario ripristinare le impostazioni di fabbrica del router.
Utilizzare il nome utente e la password predefiniti per accedere all'interfaccia e, successivamente, installare il nuovo firmware.

PASSO 3: Accedi alla nuova interfaccia.
Dopo aver installato il firmware personalizzato, accedi alla nuova interfaccia inserendo l'indirizzo IP (solitamente 192.168.1.1).

PASSAGGIO 4: Selezionare la modalità ripetitore e modificare il nome SSID.
Ora che hai accesso all'interfaccia del firmware personalizzato, vai su Impostazioni di base e fai clic sul menu dalla Modalità wireless. Seleziona Ripetitore.
Quindi, in Wireless Network Name (SSID) inserisci lo stesso SSID del router principale, quindi fai clic su Salva.

PASSAGGIO 5: Scegli un SSID diverso nella sezione Interfacce virtuali.
Dopo aver salvato, vai alla sezione Interfaccia virtuale (in fondo alla pagina) e usa il pulsante AGGIUNGI e inserisci un SSID diverso. Questo è importante perché in questo modo puoi connettere un client al router desiderato, soprattutto se sei più vicino ad esso.

PASSAGGIO 6: Configurare la sicurezza wireless.
Vai alla sezione Wireless -> Wireless Security e modifica le impostazioni di sicurezza in modo che corrispondano a quelle del tuo router principale. Per l'Interfaccia Fisica inserire le informazioni necessarie prelevate dal router principale (lasciare disabilitato se non ci sono impostazioni di sicurezza effettuate).
Quindi, per l'interfaccia virtuale, seleziona la stessa modalità di sicurezza (preferibilmente WPA2) e abbina la chiave di sicurezza a quella sul router principale. Quindi, fai clic su Salva.

PASSAGGIO 7: Modificare l'indirizzo IP del ripetitore.
Passare alla configurazione di rete (tramite Configurazione -> Configurazione di base) e modificare l'indirizzo IP del ripetitore in una sottorete diversa. Ad esempio, se il router principale ha l'indirizzo IP 192.168.1.1, è possibile modificare l'indirizzo IP del ripetitore in 192.168.3.1. È importante cambiare il terzo numero. Fare clic su Salva.

PASSO 8: Questo è un passaggio facoltativo, soprattutto se ti preoccupi della sicurezza.
Se si verificano problemi, deselezionare tutto nella richiesta Blocca WAN (lasciare selezionato solo Filtro multicast) e disabilitare SPI Firewall. Ancora una volta, fai clic su Salva.

PASSAGGIO 9: Applica le impostazioni.
Ricontrolla ogni modifica apportata e fai clic su Applica impostazioni. Dopo il riavvio, è possibile utilizzare il ripetitore wireless DD-WRT appena configurato. Ce l'hai fatta! Hai preso con successo un router vecchio e/o poco costoso e hai esteso la tua rete wireless senza utilizzare alcun cavo Ethernet.

PRECEDENTE: Come utilizzare un vecchio router come Access Point

SUCCESSIVO: Come utilizzare un vecchio router per creare un bridge wireless

Ir arriba